L’analisi delle “criticità” consente al Dirigente e agli insegnanti di conoscere con tempestività le situazioni individuali e delle classi che risultano più problematiche per intervenire con azioni utili a comprendere e, se possibile, a rimuovere le cause.

Sempre seguendo la logica della ricerca del miglioramento continuo, ogni insegnante è sollecitato a individuare metodi, azioni, strumenti che producano via via risultati migliori sia sul piano dell’apprendimento della disciplina e sia sul piano della “crescita complessiva” degli studenti.

La distribuzione del documento POF a tutti i soggetti della scuola rappresenta la condizione necessaria perché la politica dell’Istituto possa essere conosciuta, condivisa, attuata e sostenuta.

Per questo, il Pitentino, a supporto del processo direzionale e a quello di progettazione ed erogazione della didattica ha definito le modalità per un’analisi comparata delle valutazioni di ogni studente riportate nelle singole discipline, utilizzando in primo luogo prove comuni d livello per rilevare con tempestività le “criticità” più marcate in relazione ai singoli percorsi formativi.